“Appunti su Marco”, il libro di Luciana Scattoni presentato ai Venerdì della Biblioteca

Sarà presentato il 23 febbraio alle ore 17 alla Biblioteca Comunale di Città della Pieve il libro “Appunti su Marco” (Edizioni EraNuova) di Luciana Scattoni: primo lavoro edito dell’autrice che ha messo la passione per la narrazione al servizio di una vicenda personale dolorosa e ancora irrisolta.

Tutto è iniziato con un file di appunti, un elenco di elementi certi e di dubbi, prima messi in parallelo e poi  setacciati e – infine – riuniti in una pubblicazione. Elementi certi e dubbi a proposito della scomparsa di un giovane maresciallo dei carabinieri – Marco Massinelli – e sulla sua inspiegabile morte archiviata troppo in fretta come suicidio. È la madre di Marco che parla: Luciana Scattoni.

È proprio lei che piega la penna al racconto dal loro ultimo incontro fino giungere ai momenti più dolorosi, dalle incongruenti versioni che Marco ha dato a genitori a colleghi circa il suo rientro, fino a quella tragica notte in cui sembra viaggiare senza meta. O forse una meta c’era? Chi doveva incontrare? Con chi ha chattato su Facebook?

Sette giorni di ricerche che sgorgano dalla penna di Luciana in tutto il loro fragore, la loro successione vibrante e avvincente in una narrazione fluida dove ogni promessa, non mantenuta dai militari e dagli inquirenti in merito alle indagini, sottolinea una volta di più il mistero di una caso non risolto. Luciana è lucida, imparziale, mai scontata e mai autocommiserativa, il volume tocca momenti di grande pathos e dolore dando a chi legge la possibilità di formarsi una opinione sulla vicenda, dando a tutti la possibilità di intervento, di riaprire il file di appunti e mettere nuovi elementi nel piatto. Introdurrà il volume Gaetano Fiacconi (che ha curato la rassegna stampa raccogliendo tutto ciò che sulla vicenda è stato pubblicato) suggerendo alla platea alcune chiavi di lettura dialogando con l’autrice per una divulgazione sempre più ampia della vicenda; molti tasselli mancano e chiunque potrebbe avere, anche inconsapevolmente, elementi utili ad una eventuale riapertura delle indagini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *