In arrivo fondi Iti alle imprese: ecco i bandi.

Importanti opportunità di crescita per le imprese del territorio di Città della Pieve con l’arrivo di Fondi Iti, grazie alla costituzione dell’Unione dei Comuni del Trasimeno, destinati allo sviluppo. Sono 4 milioni di euro portati a sostengo della “creazione e sviluppo di agriturismi, fattorie didattiche e fattorie sociali in Umbria”. È stato pubblicato il 15 aprile il Bando che stabilisce disposizioni per l’attuazione del Programma di sviluppo rurale per la nostra regione nel periodo 2014/2020. Una cifra di 3.200.000 euro andrà divisa per l’Umbria a cui si aggiungono 400.000 euro per l’area del Trasimeno e altrettanti per le aree interne del comprensorio orvietano. Il bando è stato spedito alle imprese che esercitano attività agrituristiche e quelle iscritte all’elenco regionale come Fattorie didattiche.

L’Amministrazione comunale già nei mesi passati aveva incontrato alcuni imprenditori per un’attività di informazione per sciogliere eventuali dubbi sui contenuti del bando e per ascoltare le esigenze e richieste di possibili interventi. A fare domanda come beneficiari potranno essere le imprese che esercitano attività agrituristiche e sono iscritte all’elenco regionale agriturismo, quelle iscritte all’elenco regionale fattorie didattiche alla data di pubblicazione del bando e le imprese agricole che esercitano o intendono esercitare attività di fattoria sociale ai sensi della normativa in materia.
Nel bando saranno riconosciute ammissibili e finanziabili le spese per la realizzazione e il miglioramento delle attività turistiche, didattiche e sociali connesse all’attività agricola, sempre in forme compatibili con la tutela e la valorizzazione del territorio rurale. Fra i criteri di selezione sono previsti punteggi più alti per interventi volti al risparmio energetico e alla riduzione delle emissioni in atmosfera, per giovani agricoltori e donne, per chi crea occupazione.

Altro capitolo riguarda le risorse Iti che ammontano a 1.800.000 euro e che saranno destinate ad attività di turismo rurale e servizi connessi, alla creazione o riqualificazione di esercizi commerciali esistenti, anche attraverso l’adozione di formule innovative come l’e-commerce favorendo la specializzazione per i prodotti alimentari o artigianali tipici, biologici o di qualità certificata. A questi si aggiungono operazioni finanziabili per attività artigianali e dei prodotti della tradizione, di produzione e servizio nel campo dell’innovazione tecnologica e attività di servizi collettivi rivolti alla popolazione rurale. A poter beneficiare dei contributi saranno attività che rientrano nella definizione di “micro e piccola impresa” e che realizzano i loro interventi nei comuni interessati dall’Investimento territoriale Iti Trasimeno, tra cui anche Città della Pieve.

Di seguito i due bandi in oggetto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *