Per la prima volta Città della Pieve si è accreditata per ospitare i ragazzi del Servizio Civile

Il Comune di Città della Pieve si è accreditato con ANCI Lombardia, che è promotore e partner dei Comuni nelle procedure di accreditamento e di sviluppo dei progetti, per accogliere nei propri uffici i ragazzi del Servizio Civile Universale.

Il Decreto Legislativo n. 40 del 6 marzo 2017 istituisce e disciplina il Servizio Civile Universale, sostituendo la legge 64 del 2001 che ha consentito agli Enti di progettare ed avere in servizio giovani volontari fin dal 2002. ANCI Lombardia ad oggi coinvolge oltre 600 Comuni nei processi di progettazione e avvio dei volontari nei servizi comunali. L’attivazione dei progetti avverrà nel 2020, mentre il 2019 sarà utile per scrivere progetti personalizzati per ogni volontario e partecipare alla fase di selezione dei ragazzi che avverrà per bandi pubblicati da ANCI tra il mese di agosto e settembre 2019.

Nel bilancio in predisposizione sono state previste le risorse per ospitare alcuni ragazzi. Per ogni singolo volontario il Comune verserà ad ANCI una cifra forfettaria di 1.200/ 1.500 euro a titolo di prestazione per la gestione dell’intera attività amministrativa e di accreditamento alla rete nazionale. I ragazzi che parteciperanno alle selezioni dovranno avere trai 18 e i 29 anni. Ogni volontario selezionato sarà presente nell’ufficio di riferimento per 25 ore la settimana per un intero anno solare con un compenso mensile netto di 433 euro.

Per il Sindaco Fausto Scricciolo e l’Assessore al Sociale Barbara Paggetti un segnale concreto e positivo verso i giovani che aggiunge alla volontà di dare qualcosa di sé agli altri e al proprio Paese la possibilità di acquisire conoscenze e competenze pratiche ma più in generale rappresenta un’occasione di crescita personale e di formazione, proponendosi come un’utile esperienza da spendere in ambito lavorativo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *