Pienone a Teatro per lo spettacolo di Cesare Bocci

Grande successo per lo spettacolo teatrale “Pesce d’Aprile” portato ieri sera in scena a Città della Pieve da Cesare Bocci e Tiziana Foschi. Il pubblico che ha gremito il Teatro Comunale “Accademia degli Avvaloranti” ha potuto assistere ad uno spettacolo di forte impatto emotivo, capace di coinvolgere tutti i presenti nel racconto di un grande amore, “che la malattia ha reso ancora più grande”. Un’esperienza intima, vissuta in famiglia dallo stesso Cesare Bocci che di “Pesce d’Aprile”, oltre ad esserne protagonista sul palco, ha anche firmato la regia insieme al suo “collega” di commissariato Peppino Mazzotta.

Lo spettacolo di ieri sera va ad impreziosire la stagione teatrale 2018/2019 che è già possibile definire di grande successo, considerando la qualità delle opere presentate e la risposta entusiasta del pubblico che continua a riempire il Teatro. Gli ottimi risultati della stagione teatrale stanno portando ovvie soddisfazioni anche all’Assessore alla Cultura e Turismo Carmine Pugliese, nonostante le difficoltà economiche. “Abbiamo dovuto far fronte a risorse sempre più limitate – spiega Pugliese – ma l’obiettivo perseguito è stato quello di scegliere e creare un cartellone molto eterogeneo dove vengono privilegiati i testi, le regie e gli attori, per riuscire a dare voce a tutte le espressioni artistiche”.

Ieri sera ad assistere allo spettacolo era presente in platea Alberto Sironi, regista della fiction Rai “Il commissario Montalbano” insieme ad alcuni direttori artistici di importanti teatri romani. Ospite al Teatro Comunale anche Donatella Porzi, Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria rimasta colpita come tutti dalla profondità del testo e dalla bravura degli attori sul palco.

Il cartellone del Teatro “Accademia degli Avvaloranti” continuerà la sua stagione portando in scena sabato 2 Marzo, alle ore 21, “Dichiaro guerra al tempo”, tratto dai Sonetti di William Shakespeare con Manuela Kustermann e Melania Giglio per la regia di Daniele Salvo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *