Si apre il sipario sulla stagione teatrale, otto imperdibili appuntamenti

Otto titoli  compongono il ricco cartellone 2017-18 della Stagione Teatrale, organizzata dal Comune di Città della Pieve con la direzione artistica dell’assessore alla cultura Carmine Pugliese e di Barbara Mastella. “Una Stagione, come sempre, molto variegata – afferma l’assessore pugliese – che combina abilmente il repertorio classico, musicale e comico. Una Stagione di pregio, che garantisce la qualità dell’offerta su tutto il territorio e che faccia riconoscere Città della Pieve, agli occhi dei produttori teatrali, non più come luogo di passaggio per le Compagnie ma di arrivo”. “Far vivere il teatro – hanno dichiarato i Direttori Artistici – significa contribuire alla crescita culturale di una comunità, perché la cultura e la socialità, sono gli elementi essenziali per costruire percorsi di sviluppo di un territorio. Ed oggi è uno di quei momenti in cui l’investire in cultura si esalta”.

Il sipario del Teatro degli Avvaloranti si aprirà il 22 novembre, con un recital omaggio ad Antonio De Curtis a 50 anni dalla morte, lo spettacolo che ha debuttato a fine agosto alla Certosa di Capri “Totò oltre la maschera”, con Alessandro Preziosi e il chitarrista Daniele Bonaviri. Seguirà il 10 dicembre, “Il chiaro di luna”, della Compagnia Instabile “Un sacco DiVersi” vincitrice nel 2017 della rassegna Teatro Artigianale di Città della Pieve, un’esperienza unica ed emozionante per il pubblico locale.

Il 12 gennaio, sarà la volta dello spettacolo “Jena ridens, una rapina in diretta” una commedia tutta da ridere in cui un direttore di banca, una guardia giurata, e due rapinatori si trovano chiusi nel caveau.  Il 19 febbraio, sarà di scena “Parenti Serpenti” con Lello Arena e sette bravissimi attori , ispirato dall’omonimo indimenticabile film di Monicelli. Il  14 marzo  lo spettacolo “Il mondo non mi deve nulla”una commedia amara e molto divertente che ha ottenuto ottimi consensi di pubblico e di critica, con due grandi attori Pamela Villoresi e Claudio Casadio. Il 27 marzo “Il malato immaginario” liberamente tratto da Jean Baptiste Poquelin detto Moliere con la Compagnia Falier Venezia. Il 17 aprile il musical “Le Bal l’Italia balla dal 1940 al 2001” Uno spettacolo di Giancarlo Fares con un cast di 16 attori, la pista di una balera è pronta ad accogliere le coppie che di li a poco riempiranno la sala. Tra le novità di questa stagione, un  progetto speciale: “Il Caso Mattei” adattamento dal libro di Sabina Pisu e Vincenzo Caliacon Giorgio Colangeli, Annalisa Picconi e Anna testa. La serata ha inizio con una breve intervista della giornalista Pisu al magistrato Calia. 

Forti del successo delle scorse stagioni sì è portato avanti anche quest’anno un progetto culturale ricco per qualità e varietà, diretto a un pubblico di tutte le età ed estremamente accessibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *