Tabula rasa – Topografia di una storia, Valeria Pierini al Laboratorio di fotografia di Città della Pieve

Si terrà sabato 17 marzo alle ore 17.30 al Laboratorio di fotografia di Città della Pieve (ex Forno Bassini) l’evento su  “Tabula rasa – Topografia di una storia” con l’artista Valeria Pierini la cui presentazione e la piccola mostra saranno introdotte da Attilio Maria Navarra, fondatore dell’Associazione culturale Il Forno. 

“Tabula Rasa” parla della ri-scoperta di se stessi.
È un viaggio che parte dalla perdita di punti di riferimento, passando per la liberazione dai fardelli personali, e che dà così vita alla nuova identità del sé, con particolare attenzione ai momenti del sonno-sogno in cui le forze inconsce plasmano nuovi spazi-tempo, tasselli della psiche di ognuno.

Tiratura limitata numerata e firmata a mano
Testi e foto: Valeria Pierini
Design: Lara Vitali
Testi critici: Michela Morelli e Roberta D’Intinosante

Topografia di una storia, 2018, Add-art edizioni

Topografia di una storia è la recente pubblicazione di Valeria Pierini, dedicata al site specific realizzato a Foligno ed esposto presso lo Zut! Fino al 23 marzo.

Valeria ha messo in scena le storie che gli abitanti della città le hanno raccontato, tornando insieme a loro nei luoghi che hanno fatto da sfondo alle vicende che hanno scelto di narrare e di donare al progetto.

Tiratura limitata, numerata e firmata a mano dall’autrice.
Testo critico: Carla Capodimonti e Saverio Verini;
intervista all’autrice: Alessia Vergari, Add-art edizioni, Spoleto;
design: Lara Vitali;

foto backstage: Simona Zanna.

 

 

Bio

Valeria Pierini (Assisi, 1984) è un artista fotografa umbra laureata in comunicazione di massa.
La sua ricerca artistica si muove traendo ispirazione dalla letteratura e dalla filosofia. Spesso i suoi lavori nascono dall’incontro e dall’intervento di terzi soggetti dove tramite lo storytelling forniscono le sceneggiature sulle quali poi scattare le foto. Valeria cerca di inquadrare le cose come se fossero frame a cavallo tra il sogno e la realtà, dove non conta il momento che le ha viste nascere ma il momento in cui vengono collocate in uno specifico ambito di significato: prima da lei che le crea e le metto dentro un racconto e in seconda istanza dal lettore.
Ha esposto in numerose collettive e personali in Italia e all’estero, tiene corsi e workshop in associazioni e scuole e i suoi lavori sono stati selezionati in molti concorsi e festival nonché ampiamente pubblicati. ‘Tabula rasa’ è il suo primo libro, uscito nel 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *