Verso il Palio dei Terzieri tra Masgalano e ospiti d’onore

Città della Pieve si appresta a vivere il fine settimana più atteso dell’anno. Con le taverne dei tre Terzieri aperte e gli aromi della cucina che si diffondono già dalle prime ore della giornata la patria del Perugino è pronta al clou di presenze e all’arrivo dei turisti e degli affezionati di questa rievocazione, puntuale e sempre più perfezionata ricostruzione dell’epoca rinascimentale.

Il sabato è cadenzato dai due appuntamenti serali organizzati dall’Amministrazione comunale e dall’Ente Palio. In particolare il Comune ha curato l’esibizione in Cattedrale dell’Ensemble “Compendium Musicum” (musiche delle Corti italiane del Rinascimento). Il concerto si svolgerà alle 21.30 e verrà eseguito con strumenti e prassi filologica dell’epoca ed un repertorio che spazierà tra la fine del medioevo e il ‘500. A seguire (ore 22.30) al Campo di Santa Lucia la Compagnia Sbandieratori e Musici di Città della Pieve allieterà il pubblico con lo spettacolo delle bandiere fluorescenti che quest’anno sarà dedicato a celebrare i 25 anni del gemellaggio tra Città della Pieve, Denzlingen (Germania) e Saint Cyr (Francia).

Domenica il corteo storico muoverà alle 17.30 dai rispettivi punti della Città attraverserà la via principale per raggiungere il Campo de li giochi dove si disporrà nella tradizionale e suggestiva formazione che restituisce in una sola immagine la magnificenza del corteo e la maestosità di un evento unico nel suo genere. A sfilare, nel corteo del Comune ci saranno due ospiti d’onore, proprio i sindaci di Denzlingen e Saint Cyr sur Mer che parteciperanno al Palio divenendone protagonisti, così come è nello spirito della manifestazione.

Ma quest’anno ad arricchire la sfida ci sarà anche la consegna di un nuovo riconoscimento, «Il Masgalano» verrà consegnato nelle mani del Terziere che con la propria sfilata e carro allegorico avrà più impressionato una giuria selezionata. La premiazione avverrà alla fine della sfilata e prima dell’inizio della Caccia del Toro.  Innanzi alla pedana, dove le sagome rotanti dei tori attendono di essere perforate dalle frecce, si disporranno poi le squadre di arcieri, tre tiratori per ogni Terziere. Ognuno di loro scaglierà tre frecce, a tre velocità crescenti, nei tre minuti di tempo a disposizione per scoccare tutti i dardi. E poi festa grande nelle taverne dopo la proclamazione del vincitore e la consegna del Pallium. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *